Sentirsi sicuri online: 5 strategie per difendersi sul web

Nel web si nascondono numerosi pericoli: i principali sono sicuramente il rischio di truffa e quello di violazione della privacy, ma ne esistono tanti altri che spesso non si considerano.

Sentirsi sicuri online: 5 strategie per difendersi sul web

Nel web si nascondono numerosi pericoli: i principali sono sicuramente il rischio di truffa e quello di violazione della privacy, ma ne esistono tanti altri che spesso non si considerano. Per questo motivo occorre innanzitutto informarsi bene sulle insidie della rete, poi bisogna prendere le dovute precauzioni e adottare dei comportamenti per un uso corretto e responsabile di internet. 

Vediamo insieme quali sono i rischi e quali le strategie da adottare per proteggersi quando si naviga in rete. 

Condividi

I rischi del web

Secondo le statistiche della Polizia, ormai un crimine su cinque viene commesso online. Si tratta, quindi, di veri e propri reati penali che è utile conoscere per non diventarne vittime. 

Ecco quali sono i principali rischi che si corrono navigando online: 

  • Phishing: si tratta di un sistema che approfitta della vulnerabilità del tuo dispositivo per installare virus nascosti al fine di rubarti dati sensibili, come ad esempio PIN e altri dati personali. Il virus si installa aprendo mail dannose – spesso camuffate da comunicazioni provenienti da istituti bancari o simili – oppure cliccando su banner pubblicitari ingannevoli o siti pericolosi. 
  • Truffe: sempre cliccando su banner pubblicitari ingannevoli capita spesso anche di imbattersi in siti che richiedono dati personali all’utente per riscuotere un premio. Si tratta ovviamente di una truffa, reato di cui si può essere vittime anche su siti di e-commerce oppure anche attraverso annunci di privati. Succede spesso, ad esempio, nel settore dei viaggi, dove vengono venduti finti pacchetti vacanze o affittate case che non esistono. 
  • Furti d’identità: sono frequenti sui social network, dove alcune persone si impossessano dell’identità di qualcuno allo scopo di diffamarlo, denigrarlo o distribuire password o numeri di telefono. A volte le vittime sono personaggi pubblici la cui identità viene rubata per cercare di metterli in cattiva luce compiendo atti illeciti, come la pubblicazione di post compromettenti o ingiuriosi, screditando così il loro nome, oppure per ottenerne dei benefici.
  • Utenti pericolosi: navigando in rete, utilizzando i social network e soprattutto le chat, ci si può imbattere in persone con cattive intenzioni come hackero individui che fingono di essere qualcun altro con lo scopo di danneggiare in qualche modo la vittima di turno. Da non sottovalutare, in questo senso, è anche il pericolo di essere diffamati o di diventare vittime del cyberbullismo, fenomeno che interessa soprattutto i giovani: sui social network si può rischiare, infatti, che vengano pubblicate foto o video per ridicolizzarci e denigrarci, oppure può capitare che qualcuno, magari nascosto dietro a un nickname falso, ci insulti o riveli pubblicamente fatti o dati che ci riguardano, violando così la nostra privacy.

5 strategie per difendersi sul web

Abbiamo analizzato quali sono i principali pericoli del web. Vediamo adesso 5 strategie da adottare per difendersi da queste minacce e prevenire ogni possibile rischio. 

1 – Scegliere una password sicura 

Scegliere accuratamente una password può aiutare a scongiurare un attacco informatico. Le regole base sono semplici: non inserire mai nella password dati personali (es: data di nascita), iniziali o nomi di persone care; scrivi una password lunga almeno 8 caratteri. 

Per passare a uno stato più avanzato di sicurezza, ricordati che la tua password dovrebbe sempre contenere delle lettere minuscole, maiuscole, alcune cifre numeriche e dei caratteri speciali (ad esempio @, !, _). 

2 – Installare un antivirus 

Per proteggersi da phishing e software malevoli il primo passo è quello di installare sul proprio computer un antivirus valido e sempre aggiornato. È opportuno, poi, navigare sempre in modalità protetta, disabilitando tutti quegli accessori del browser, come ad esempio i java script, che di solito vengono usati proprio per carpire informazioni e dati sensibili. Altri importanti accorgimenti da seguire sono: non aprire mai email provenienti da mittenti sconosciuti e comunque non cliccare mai sui link contenuti al loro interno. 

Non fidatevi delle mail nelle quali compare il nome della vostra banca: in genere in questi messaggi viene chiesto di inserire i propri dati o i propri codici bancari per un problema riguardante il sistema di internet banking o per un aggiornamento dei vostri dati. Si tratta, appunto, di tentativi di phishing: le banche non inviano mai questo tipo di comunicazioni ai clienti via email, quindi non bisogna mai cliccare su link sospetti o fornire i propri dati. 

3 – Non fidarsi in chat 

Quando si conosce una persona in una chat, ma anche attraverso applicazioni di messaggistica istantanea come Skype, WhatsApp e Messenger, bisogna fare attenzione a confidare cose personali, a rivelare i propri dati e anche a inviare proprie foto. Dall’altra parte dello schermo potrebbe nascondersi un truffatore o un malintenzionato che potrebbe utilizzare ciò che gli dite o inviate per scopi illeciti, incluso il diffondere le vostre foto in rete senza la vostra autorizzazione. 

4 – Attenzione a cosa si scarica 

Quando si effettua il download di un programma o un file dal web bisogna stare sempre in guardia in quanto potrebbe trattarsi di virus, uno spyware o di un altro software malevolo. Inoltre, ogni volta che si condivide o si scarica qualcosa in rete bisogna considerare il problema del copyright: il materiale in questione, infatti, potrebbe appartenere a qualcuno che potrebbe rivendicarlo e chiederne i diritti. 

5 – Non condividere informazioni personali sui social network 

Spesso, per rubare l’identità di qualcuno il ladro si serve proprio delle informazioni che la persona in questione ha già condiviso sui social. Più dati personali si pubblicano e più è alto il rischio di subire un furto d’identità. Bisogna dunque evitare di inserire data di nascita, indirizzo, luogo di lavoro o scuola frequentata. Inoltre, quando si pubblicano le proprie foto bisogna considerare che poi resteranno in rete e sarà molto difficile eliminarle o controllarle, e chiunque potrà scaricarle e usarle per creare un nuovo profilo fingendo di essere la persona della foto. Queste avvertenze valgono anche per i minori, che andrebbero controllati costantemente per evitare che forniscano dati personali a sconosciuti. 

Condividi

Pubblicato il 14/08/2020

Cyber Security per le PMI

Quello di proteggere la tua azienda dagli attacchi informatici è un obiettivo da perseguire per lavorare bene. Le assicurazioni Cyber Risk consentono di proteggersi dagli attacchi informatici in azienda. Ecco come funzionano e quanto si rivelano utili alla tua impresa.

Polizza MyProtection: l'assicurazione personalizzata

Con My Protection hai una polizza modulare, multigaranzia e rateizzabile che puoi configurare come vuoi tu.

Assicurazione salute: cosa rimborsa e quanto costa

L'assicurazione sulla salute rappresenta una protezione in più nel caso in cui ci si trovi ad affrontare spese mediche impreviste a causa di una malattia o di un infortunio.

Come difendersi dagli attacchi informatici

Gli attacchi informatici sono in continuo aumento e in costante evoluzione. Vediamo cos’è un attacco informatico, qual è la protezione da utilizzare per tutelare i propri dati e perché è importante assicurarsi contro gli attacchi informatici.

Assicurazione temporanea caso morte: un gesto d'amore per i tuoi cari

Prendersi cura della propria famiglia e dei propri cari per garantirgli una vita serena è un obiettivo importante da perseguire tutti i giorni, ma cosa fare nel caso venissimo improvvisamente a mancare e quindi non fossimo più in grado di sostenerli?

Le 10 mosse per prenderti cura di te e vivere una vita più sana

Pensare alla sicurezza e al futuro delle persone a noi care è importante, ed esistono modi diversi per prendersi cura di loro, dai piccoli gesti d'amore quotidiani alle forme di tutela per il loro futuro.