SIAMO QUI PER TE!

Attraverso questa pagina puoi metterti in contatto con noi per richiedere assistenza su prodotti e servizi, per trovare risposte alle tue domande.

Sinistri

Assistenza

Trova Agente

FAQ

COSA FARE IN CASO DI SINISTRO

Auto

Scopri come comportarti in caso di incidente, riparazioni o altri sinistri polizza auto.

Casa

Ecco come comportati in caso di sinistro relativo alla tua polizza Casa e ai tuoi animali domestici.

Condominio

Navigando questa pagina trovi tutte le informazioni relative ai sinistri che coinvolgono il tuo Condominio.

Salute

Scopri cosa fare in caso di sinistro relativo al mondo salute e per tutte le informazioni su prenotazioni dirette e strutture convenzionate.

Infortuni

Ecco come comportarti in caso di infortunio: come denunciare il sinistro e come comportarti per ricevere l’assistenza sanitaria, se inclusa nella tua polizza.

Vita

Scopri come comportarti in caso di scadenza di una polizza vita, se hai necessità di riscatto e per altre info relative ai sinistri polizza vita.

Altri sinistri

Per informazioni e assistenza su altre tipologie di sinistro, il tuo Agente Groupama è sempre a tua disposizione per darti il supporto di cui hai bisogno. Vieni a trovarci in agenzia!

L’Area Clienti è il tuo spazio personale: trovi le info sulla tua posizione assicurativa e puoi avere supporto per gestire i tuoi sinistri da casa.

Con l’App My Groupama puoi gestire in qualsiasi momento le polizze, denunciare un sinistro, contattare il tuo Intermediario di fiducia e tanto altro!

Hai problemi di registrazione, accesso o visualizzazione dei contenuti della tua Area Clienti?

RICHIEDI ASSISTENZA

Hai bisogno di informazioni sulle tue polizze?

RICHIEDI ASSISTENZA

Vuoi informazioni sui nostri prodotti?

RICHIEDI ASSISTENZA

Hai bisogno di supporto? Siamo qui per aiutarti

Vuoi inviare un reclamo?

SCOPRI COME FARE

Sei beneficiario di una polizza dormiente?

SCOPRI COME FARE

Hai avuto un sinistro?

SCOPRI COME FARE

Un agente Groupama è sempre a tua disposizione. Trova l’agenzia più vicina a te:

CERCA L’AGENZIA PIÚ VICINA A TE

MASSIMA DISTANZA: 5 km

0km

100km

F.A.Q.

Trova le risposte alla domande più frequenti

auto-mobilita

casa-persona

assicurazione-imprese-pmi

previdenza-risparmio

tutti-i-prodotti-assicurativi

auto-mobilita

Se in un incidente varie persone riportano danni fisici, la compagnia copre il proprio assicurato?

L’assicurazione RC Auto tutela tutte le persone che hanno riportato danni nell’incidente, compresi i passeggeri dell’auto, ma non copre il conducente responsabile del sinistro. Per questo motivo, per poter contare su un’ulteriore protezione quando sei alla guida, dovresti aggiungere alla tua RC Auto anche la garanzia Infortuni del conducente.

Cosa copre l’assicurazione RC Auto?

La RC Auto è obbligatoria per tutti i veicoli immatricolati e circolanti su strada: copre i danni involontariamente provocati a terzi dal veicolo assicurato, sia quando è in movimento sia quando è in sosta. Nello specifico, la Responsabilità Civile copre: i danni subiti da pedoni, ciclisti e altre persone non trasportate a bordo dell’auto assicurata;i danni subiti dai passeggeri degli altri veicoli coinvolti;i danni fisici subiti dai passeggeri a bordo del veicolo assicurato (i danni alle cose di proprietà dei passeggeri sono risarciti solo nel caso in cui gli stessi non siano legati al proprietario o al conducente del veicolo da relazioni di parentela o di società, come stabilito dalla legge);i danni materiali subiti da oggetti esterni presenti nel luogo del sinistro (ad esempio gli arredi stradali).  Al momento della sottoscrizione della polizza dovrai stabilire il massimale, ovvero la somma massima che la compagnia assicurativa potrà risarcire ai terzi coinvolti nel sinistro.

Quali documenti mi servono per fare l’assicurazione auto?

Dopo che avrai individuato quale assicurazione auto conviene di più per le tue esigenze, dovrai preparare i documenti necessari per sottoscrivere la tua nuova polizza. Se si tratta di un veicolo nuovo, serviranno la tua carta d’identità, il tuo codice fiscale, il libretto di circolazione e il certificato di proprietà dell’auto. Se desideri sottoscrivere un’assicurazione auto usufruendo della Legge Bersani, allora saranno necessari anche il certificato dello stato di famiglia e i documenti di identità, la copia del contratto di assicurazione in corso di validità di cui è titolare e l’attestato di rischio del familiare dal quale erediterai la classe di merito. Nel caso in cui, invece, tu debba sottoscrivere una polizza per un veicolo usato, oltre ai documenti sopracitati dovrai portare con te anche il certificato che attesta il passaggio di proprietà dell’auto o la documentazione provvisoria.

Cosa succede in caso di assicurazione scaduta?

Quando scade l’assicurazione auto devi rinnovarla al più presto: circolare con l’assicurazione auto scaduta è proibito per legge perché vuol dire spostarsi senza una copertura e rischiare di fare incidenti i cui danni non sarebbero coperti. Con la RC auto scaduta rischi una sanzione amministrativa, la sospensione immediata della patente e il sequestro del mezzo.   Quando scade l’assicurazione hai ancora del tempo a disposizione per rinnovarla: si tratta dei cosiddetti “15 giorni di tolleranza”, ossia le due settimane che seguono la data di scadenza della polizza, durante le quali puoi ancora godere della copertura assicurativa, senza incorrere in sanzioni. In questo lasso di tempo devi però provvedere al rinnovo dell’assicurazione, altrimenti dal sedicesimo giorno la copertura cesserà definitivamente e andrai incontro alle sanzioni e ai rischi sopracitati. 

Come posso verificare lo stato della mia assicurazione auto?

Se vuoi sapere quando scade la tua assicurazione auto oppure vuoi verificare lo stato della tua polizza, non devi fare altro che registrarti e accedere alla tua Area Clienti dove potrai consultare tutti i tuoi dati. In alternativa, contatta il tuo Agente Groupama di fiducia cercando la filiale più vicina a te.

casa-persona

L’assicurazione sulla casa è deducibile? Dove va inserita nel 730?

Sì, l’assicurazione casa è deducibile ma solo per una copertura specifica. Con la Legge di Bilancio 2018, infatti, è stata introdotta la possibilità di beneficiare della detrazione dei premi versati per le polizze casa a copertura dei rischi derivanti da eventi calamitosi come alluvioni o terremoti. Questo vantaggio fiscale riguarda solo le polizze sottoscritte o rinnovate a partire dal 1 gennaio 2018; la detrazione spetta al contraente della polizza e non riguarda dunque l’intestazione dell’immobile oggetto della polizza. La normativa prevede la possibilità di detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 19% del premio assicurativo versato per l’assicurazione casa per eventi calamitosi. Nel caso di polizze multirischio che prevedano, oltre alla garanzia per questi eventi, anche altre coperture come ad esempio furto, incendio o responsabilità civile verso terzi, allora si potrà detrarre il 19% esclusivamente per la parte di premio relativa alla copertura per gli eventi calamitosi.  Per poter beneficiare della detrazione dell’assicurazione casa in questione dovrai compilare il modello 730, in particolare le righe che vanno da E8 a E10. Dovrai certificare i premi versati nell’anno contributivo di riferimento presentando le ricevute di pagamento e l’attestazione che riceverai ogni anno dalla Compagnia assicurativa e che riporterà il tipo di polizza e la decorrenza della stessa, i tuoi dati e l’importo che può essere oggetto di detrazione fiscale. Con la Legge di Bilancio 2020, infine, è stata introdotta la tracciabilità dei pagamenti da detrarre, perciò dovrai provvedere al pagamento del premio della tua polizza solo con metodi tracciabili, ovvero bancomat, carta di credito, assegno o bonifico.

A chi spetta il pagamento dell’assicurazione di una casa in affitto?

Il pagamento dell’assicurazione di una casa in affitto spetta sempre al proprietario e non al locatario, perché è lui che possiede la titolarità dell’immobile in caso di danno. Sarà dunque il proprietario a scegliere di sottoscrivere l’assicurazione casa e a pagare il premio annuo per proteggere l’abitazione, ad esempio, da incendi o calamità naturali.  Il conduttore, ovvero la persona alla quale la casa è stata data in affitto, dal canto suo, deve avere cura dell’immobile e della sua conservazione e manutenzione, impegnandosi a restituirlo al proprietario nelle stesse condizioni in cui gli è stato affidato. Anche il conduttore, se vuole, può tutelarsi con un’assicurazione casa in affitto con lo scopo di proteggere, ad esempio, i beni contenuti all’interno dell’abitazione, oppure per tutelarsi in caso di danni all’immobile che altrimenti dovrebbe risarcire di tasca propria al titolare dello stesso. Il proprietario, infine, può scegliere di sottoscrivere un’assicurazione specifica per chi affitta casa che lo protegga dal rischio di eventuali inadempienze dell’inquilino e da eventuali danni all’immobile, con la garanzia di ricevere una tutela legale in caso di controversie.

Voglio assicurare il mutuo sulla casa: come funziona e cosa copre?

L’assicurazione mutuo è una polizza che ti protegge in qualità di intestatario del mutuo e tutela anche l’ente che lo ha erogato, perché interviene con la copertura del prestito per l’acquisto di un immobile in caso di imprevisti. È una polizza facoltativa e nessun ente di credito può vincolare l’erogazione del prestito alla sottoscrizione di un’assicurazione sul mutuo; l’unica polizza obbligatoria per legge che devi sottoscrivere per accendere un mutuo è l’assicurazione casa incendio e scoppio che ha lo scopo di proteggere l’immobile posto a garanzia del mutuo da una serie di eventi, come, appunto, incendi, scoppi, fulmini o esplosioni. L’ente creditore probabilmente ti proporrà un’assicurazione sul mutuo, ma la scelta è libera e potrai dunque valutare anche i preventivi di altre compagnie. Puoi stipulare la polizza mutuo sia nel caso in cui tu possieda già un mutuo, sia nel caso in cui tu sia un nuovo mutuatario. Per poterla sottoscrivere ci sono solo due condizioni da rispettare: devi essere residente in Italia e devi avere un’età compresa tra i 18 e i 70 anni.

Come posso calcolare un preventivo per la mia polizza casa?

Con Groupama puoi calcolare il tuo preventivo in modo semplice e veloce direttamente online, grazie al nostro preventivatore: dovrai solo inserire i tuoi dati e quelli della tua abitazione e personalizzare la tua assicurazione casa scegliendo le coperture che ti interessano. Otterrai così un preventivo gratuito che ti fornirà l’importo esatto della polizza ideale per soddisfare il tuo bisogno di protezione.

Cosa copre l’assicurazione sulla casa?

L’assicurazione sulla casa, in generale, copre i danni all’abitazione e ai beni in essa contenuti, a seconda delle garanzie inserite nel contratto. Questa polizza, infatti, è personalizzabile in base alle tue esigenze di protezione e a quelle della tua famiglia: in sostanza, sei tu a stabilire quali coperture ritieni necessarie per la tua assicurazione casa. Con Casa senza confini di Groupama, ad esempio, puoi scegliere tante garanzie diverse: con la copertura incendio proteggi la tua abitazione e il suo contenuto in caso di incendi, fulmini, esplosioni; con la garanzia furto sei protetto in caso di furto, rapina, scippo o estorsione; con Rottura lastre sei rimborsato in caso di rottura vetri e cristalli; con la Responsabilità civile verso terzi tu e i tuoi cari siete tutelati in caso di richieste di risarcimento per danni fisici o materiali a terzi nell’ambito della vita privata o legati all’abitazione; con Tutela legale puoi proteggere la tua famiglia ottenendo l’aiuto di un avvocato in caso di necessità; con la garanzia Infortuni dei figli puoi proteggere i tuoi figli per gli infortuni avvenuti nel tempo libero; con la copertura Assistenza puoi contare su un aiuto concreto per qualsiasi situazione di emergenza; infine, puoi arricchire la tua assicurazione casa anche con la garanzia Bici per proteggere te stesso e i tuoi cari durante l’utilizzo della biciletta, e con la garanzia Animali, per proteggere i tuoi amici a quattro zampe.

assicurazione-imprese-pmi

Sono proprietario di un capannone industriale affittato a terzi e voglio assicurarmi per i danni provocati a terzi dal mio fabbricato. È possibile?

Sì, contraendo una polizza, come DinamicaPlus Impresa , che preveda la garanzia RC del fabbricato e Ricorso terzi da Incendio.

Ho un’azienda. È obbligatorio sottoscrivere una polizza infortuni per i dipendenti?

La polizza infortuni per i dipendenti è obbligatoria solamente nel caso in cui i lavoratori, in azienda, svolgano delle attività definite a rischio. In tutti gli altri casi, non c’è nessun obbligo di assicurazione per il datore di lavoro, anche se le polizze di questo tipo restano comunque importanti per tutelare il lavoro e per proteggere i propri dipendenti.  

È obbligatorio stipulare la RCT per una impresa?

No: in capo all’azienda non c’è nessun obbligo generico di stipulazione di una polizza sulla responsabilità civile verso terzi (RCT), ma è comunque consigliato tutelarsi a dovere per far fronte ad eventuali imprevisti.

Quanto costa assicurare un’azienda?

Esistono diverse tipologie di azienda, ognuna dotata di specifici bisogni e rischi connessi allo svolgimento del lavoro. Per conoscere il costo di un’assicurazione per la tua azienda puoi:  Navigare la sezione dedicata ad Aziende e Professioni, trovare il prodotto di maggior interesse per te e successivamente fare una richiesta di informazioni compilando il form presente sul sito web;Rivolgerti ad un agente Groupama che sarà analizzare le tue necessità e potrà formulare un preventivo gratuito e senza impegno.  

Cosa sono le assicurazioni per le imprese e quali sono quelle obbligatorie?

Le polizze per le aziende sono un tipo di contrattodi assicurazione contro i danni all’impresa: tutelano il contraente in caso i imprevisti di vario tipo come ad esempio incendio, furto, responsabilità civile verso terzi, eccetera.   Per quanto riguarda le imprese, non esiste un obbligo generico sulle assicurazioni: diversamente dai possessori di automobili, che sono tenuti a stipulare una polizza per circolare con la propria vettura, gli imprenditori non devono per forza avere un’assicurazione.   Nonostante le assicurazioni aziendali non siano previste per legge, queste sono comunque consigliate visto che tutelano sia il datore di lavoro che il lavoratore, in caso di problemi.  Tra le coperture previste dall’assicurazione PMI di Groupama troviamo ad esempio:   Responsabilità civile Incendio Furto  Rottura di lastre Tutela legale  Per ogni altro dettaglio e per scoprire gli altri eventi coperti, potete fare riferimento al set informativo di Dinamica Plus Impresa.   L’unica eccezione è rappresentata dall’assicurazione obbligatoria sugli infortuni prevista dall’INAIL: la polizza in questione deve essere sottoscritta per legge da quei datori di lavoro che occupino i propri dipendenti in attività definite a rischio. In questo caso, chi tutela i lavoratori è l’INAIL, che interviene a sostegno del dipendente anche se il datore di lavoro non ha versato il premio assicurativo. 

previdenza-risparmio

Quali sono le forme assicurative di risparmio?

I piani di risparmio hanno lo scopo di accumulare una determinata somma per ottenere un capitale finalizzato all’acquisto di un bene, oppure per costituire il classico “salvadanaio” per garantirsi una rendita o un patrimonio da trasmettere a chi desideriamo, ad esempio ai figli. Le principali forme assicurative di risparmio sono tre: il Piano Individuale di Risparmio (PIR), la polizza vita e il fondo pensione. Tutte le tipologie prevedono dei versamenti periodici che andranno poi a costruire il capitale del tuo risparmio. Groupama ti offre diverse soluzioni di Piano Individuale di Risparmio che si possono costruire in base alla tua propensione al rischio e alle tue preferenze di investimento. Dimensione Multivalore Futuro Sostenibile, ad esempio, investe in un’economia più sostenibile; Dimensione Multivalore Italia investe sulle industrie del nostro Paese contribuendo al suo sviluppo; Dimensione Multivalore Flexi, invece, è un piano di risparmio flessibile che si adatta alle tue esigenze.

Posso attivare la previdenza integrativa per i miei figli?

Sì, tutti possono aderire agli strumenti di previdenza integrativa, anche i figli minori. In questo caso dovrai provvedere alla loro adesione a un piano pensionistico come figli fiscalmente a carico, condizione che ti consentirà di beneficiare della deducibilità dal tuo reddito IRPEF delle somme versate destinate al fondo. 

Quando si può riscattare un fondo pensione?

Se aderisci a un fondo di previdenza integrativa puoi ricevere i soldi prima del momento della pensione in due modi. Il primo è l’anticipazione: puoi richiederla in qualsiasi momento della vita lavorativa, nel caso in cui dovessi trovarti ad affrontare situazioni particolari, come ad esempio spese sanitarie straordinarie, l’acquisto o la ristrutturazione della casa o altre esigenze. In questi casi puoi richiedere, appunto, un’anticipazione della posizione individuale maturata, in base alle condizioni di accesso, ai limiti e alle modalità di erogazione stabiliti per legge e previsti dal tuo piano di previdenza integrativa. Se invece intendi riscattare, in tutto o in parte, il fondo maturato fino a un determinato momento, puoi richiederlo indipendentemente dagli anni che ancora mancano al raggiungimento della pensione, sempre in base alle condizioni previste dal tuo piano. In caso di riscatto totale, la tua adesione al fondo cesserà. Il riscatto può diventare necessario in alcuni casi, come in quello di perdita dei requisiti per aderire a un particolare fondo: ciò potrebbe avvenire, ad esempio, con l’adesione a un fondo di categoria che potrebbe cessare qualora tu decidessi di cambiare lavoro.

Quali forme di previdenza complementare esistono?

Esistono diversi strumenti di previdenza integrativa: i Fondi Pensione Aperti, ai quali tutti possono aderire, istituiti da banche, assicurazioni e società di gestione del risparmio; i Piani Individuali Pensionistici (PIP), aperti a tutti ma istituiti esclusivamente dalle compagnie assicurative; i Fondi Pensione Chiusi o negoziali, riservati solo a determinate categorie di lavoratori e istituiti tramite accordi tra le organizzazioni sindacali e quelle aziendali. Groupama ti offre tre soluzioni per la tua pensione complementare: il fondo pensione aperto Programma Open, il Piano Pensionistico Individuale e Programma per Te.

Cos’è e come funziona la previdenza integrativa o complementare?

La previdenza integrativa o complementare è una tipologia di risparmio pensionistico facoltativa che può aggiungersi alla pensione di base prevista per tutti dal regime pubblico obbligatorio. È quindi una forma di pensione privata su base volontaria il cui scopo è quello di assicurarsi un migliore tenore di vita al momento del raggiungimento dell’età pensionistica, potendo contare, appunto, anche sulle risorse accumulate tramite il fondo complementare.  Il fondo pensione della previdenza integrativa funziona come una forma di capitalizzazione individuale alla quale tutti possono accedere: la persona affida i propri contributi a un ente di gestione finanziaria, come una banca o una compagnia assicurativa. Questi enti hanno il compito di investire i suddetti capitali nei mercati finanziari: lo scopo è quello di ricavare un rendimento che, sommato al capitale investito, andrà a comporre la pensione integrativa che l’aderente riceverà al momento del pensionamento.

tutti-i-prodotti-assicurativi

Esiste un’assicurazione per danni a terzi provocati involontariamente dai miei figli o da altri membri della mia famiglia?

Sì, Groupama ti propone un’assicurazione per danni a terzi compresa in quella per la casa. Si tratta della polizza per l’abitazione Casa senza Confini : con l’estensione ai fatti della vita privata, questa assicurazione comprende anche la copertura per danni a terzi.

Come posso fare l’assicurazione a rate?

Se vuoi trasformare la tua polizza in un’assicurazione a rate semestrali o quadrimestrali, devi sapere che puoi modificare il frazionamento sulla polizza RCA esclusivamente alla scadenza annuale della stessa. Se desideri maggiori informazioni per sapere come pagare l’assicurazione a rate o come modificare il contratto, puoi rivolgerti direttamente al tuo Agente Groupama.

Cosa succede se perdo l’assicurazione?

In caso di smarrimento del tuo contratto, puoi rivolgerti direttamente al tuo Agente Groupama che ti rilascerà una copia. Per sapere come recuperare il tuo certificato di assicurazione, trova il recapito dell’agenzia più vicina a te.

A chi devo inoltrare la richiesta di variazione dell’indirizzo, dei beneficiari oppure del frazionamento?

Per queste variazioni puoi rivolgerti alla tua Agenzia dove dovrai compilare l’apposito modulo. In alternativa, puoi inviare la comunicazione alla tua Agenzia con raccomandata a.r. debitamente firmata e sottoscritta dal contraente.

Sono un cliente di Groupama: come faccio a ricevere tutta la posta a mio nome al mio nuovo indirizzo?

Per effettuare la variazione anagrafica, puoi rivolgerti al tuo Agente Groupama. Cerca il recapito della filiale più vicina a te tramite il nostro Trova agente