Groupama mette 
a disposizione
la RC auto
in versione digitale

Dematerializzazione documenti RC Auto

COSA E'?
L’Attestato di rischio è il documento, valido 5 anni, che certifica la storia assicurativa del proprietario del veicolo. In particolare nell‘Attestato di rischio sono indicati: 

  • i dati relativi alla classe bonus malus di Conversione Universale, la cosiddetta classe CU; 
  • la classe di merito interna della Compagnia assicurativa; 
  • i sinistri avvenuti negli ultimi 5 anni classificati in base alla tipologia di danno e al grado di responsabilità dell’assicurato. 

Fino al 1° Luglio 2015 le Compagnie inviavano annualmente ai propri assicurati l’Attestato di rischio, almeno 30 giorni prima della scadenza della polizza Rc auto, aggiornato con le informazioni relative all’anno appena trascorso.

 

CHE COSA E' L'ATTESATO DI RISCHIO DIGITALE?
Con il Regolamento n.9 del 19/05/2015 l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS) ha dato avvio alla dematerializzazione dell'Attestato di Rischio che consiste nella sostituzione delle informazioni contenute nel documento cartaceo con le informazioni memorizzate su una apposita Banca Dati elettronica degli Attestati di Rischio. In particolare:

  • la consegna dell'Attestato al Cliente avviene per via telematica e non più cartacea
  • l'Attestato può essere acquisito non solo dall'assicurato ma anche dagli aventi diritto, come ad esempio il proprietario della macchina se diverso dall'assicurato
  • in sede di stipula del contratto la Compagnia acquisisce i dati direttamente dalla Banca Dati elettronica

Leggi la guida in pdf

 

CHE COSA E' L'ATTESTATO DI RISCHIO DINAMICO?
Con il Provvedimento n. 71 del 16 aprile 2018 l’IVASS ha dato il via alla dinamicità dell’’Attestato di rischio che consente di valutare con maggiore precisione la sinistrosità dell’assicurato; pertanto, a partire dal 01.08.2018, un sinistro c.d. “tardivo” cioè non presente nell’attestato di rischio precedente perché pagato negli ultimi 60 giorni di una polizza RC Auto o dopo la sua scadenza, viene recuperato negli attestati di rischio successivi anche se l’assicurato ha cambiato compagnia, con eventuale applicazione del “malus.
A questo scopo è stato introdotto lo IUR – Identificativo Univoco di Rischio – ovvero un codice visibile da tutte le Compagnie che abbina il proprietario e ciascun veicolo di sua proprietà e consente di gestire nell’ambito della Banca Dati i movimenti di aggiornamento dell’attestato.
Le richieste di informazioni sul sinistro c.d. “tardivo” recuperato vanno indirizzate alla compagnia che lo ha pagato.
Infine, a far data dal 01.01.2019, la tabella di sinistrosità pregressa verrà progressivamente estesa fino ad avere l’indicazione sui sinistri negli ultimi 10 anni.

Leggi le FAQ

 

COME RICHIEDERLO?
Le Compagnie di Assicurazioni non inviano più agli assicurati il documento cartaceo via posta ma lo rendono disponibile in versione digitale.
Groupama Assicurazioni si è adeguata alla normativa e mette a disposizione l'Attestato 30 giorni prima della scadenza del contratto R.C. Auto nell’Area Clienti, presente sul sito web e sulla App My Groupama, alla quale si accede con le credenziali ricevute dopo la registrazione. In alternativa, è possibile richiedere l'Attestato di Rischio cliccando sul pulsante sottostante e compilando il form

Richiedi Attestato di Rischio

COSA E'?
Il contrassegno è il tagliando “giallo” che certifica che il veicolo è assicurato. Contiene il nome della Compagnia, il tipo di veicolo, la targa e la scadenza della polizza e va obbligatoriamente esposto sui parabrezza nella parte anteriore del veicolo. 
 

COSA CAMBIA?
Dal 18 ottobre 2015 non è più obbligatorio esporre sul proprio veicolo il contrassegno che certifica l’assicurazione RC Auto perché la validità della polizza viene certificata da una banca dati informatica, alimentata da tutte le compagnie assicurative.
I controlli saranno effettuati dalle Forze dell'Ordine tramite dispositivi di rilevazione a distanza dotati di Targa System come Autovelox, Tutor, Telepass e telecamere delle zone a traffico limitato, che leggeranno la targa del veicolo e permetteranno in pochi istanti di verificare la copertura assicurativa. 
Le Autorità stradali incroceranno infatti il dato con le informazioni presenti nelle banche dati dei veicoli assicurati, verificando se il veicolo è in regola, non solo con il pagamento della Rc Auto, ma anche con il pagamento del bollo e con la revisione e, nei casi di irregolarità, applicherà le sanzioni con l’invio della multa ed eventuale sequestro del veicolo.

Leggi la guida in pdf

UNA RC AUTO DIGITALE
La dematerializzazione dei documenti è un'importante trasformazione nel settore assicurativo che consente di semplificare i procedimenti e aumentare la trasparenza tra le parti portando diversi vantaggi tra i quali:

  • la riduzione delle frodi e delle contraffazioni dei contrassegni cartacei
  • maggiore sicurezza in caso di incidente con l'accertamento tempestivo della copertura assicurativa
  • maggiore semplicità nella sottoscrizione della polizza 
  • riduzione dell'uso della carta e risparmio in termini di invio e archiviazione documenti