INFORMAZIONI ISTITUZIONALI
ARTICOLI E COMUNICATI STAMPA

Messaggero - My Angel Groupama l'aiuto in caso di incidente

Tra pirati e angeli sulla strada si svolge la quotidiana partita tra bene e male. I pirati li conosciamo – talvolta tra loro persino ci arruoliamo – gli angeli non vorremmo mai incontrarli, perché non vorremmo mai averne bisogno: autisti di ambulanze o carri attrezzi, agenti della polizia della strada, generosi volontari pronti a dare soccorso a chi ne ha bisogno. Eppure servono, ci aiutano. E quando ne abbiamo bisogno sembra che non arrivino mai in tempo.

Da qualche tempo, quando capita un incidente d’auto, esiste persino un “angelo custode” personale, anche se non tutti lo sanno. Fuor di metafora, attivando una innovativa “app”, possiamo chiamare sul posto carroattrezzi e perito dell’assicurazione in trenta minuti. Possibile? Sì. L’applicazione si chiama MyAngel, scaricabile da chiunque, garantisce un servizio esclusivo ai clienti di Groupama Assicurazioni.

In certi momenti, quando scendi dall’auto con il motore che fuma quanto la tua testa, non è facile nemmeno trovare il numero del carroattrezzi. Pigiando la prima opzione dell’app MyAngel arriva entro mezz’ora. Garantito. Gratuito se sei assicurato Groupama, a pagamento per tutti. Ma il vero angelo custode che si materializza sul posto in trenta minuti è il perito. Il tuo perito di parte. Quello che dovresti inseguire per un appuntamento per farti fare le fotografie, che ti sgrida perché non hai compilato bene il modulo blu (il modula Cai), che in fondo non crede a tutta la versione che dichiari, quello da cui dipendono le informazioni da trasferire all’agente dell’assicurazione. E quindi il padrone del tuo risarcimento.

L’AIUTO
Ecco invece che il perito, diventa angelo, angelo custode. Non hai con te il modulo Cai? Pazienza, ne ha sempre qualche copia in più. La controparte è particolarmente aggreessiva? Ok, ti aiuta a far prevalere calma e oggettività. Tu e il tuo smartphone non fate foto da professionista? No problem, le foto giuste per i rilevi le scatta lui. E poi manda tutto - modulo blu compilato correttamente compilato, foto, e tutto quanto dovesse servire – all’agente, che interviene con la solita professionalità, ma con un supporto più tempestivo e competente. E ti indirizza alla carrozzeria convenzionata. Nei casi di sinistri “semplici” in questo modo si può contare su una liquidazione in 24 ore.
Tutto questo pigiando sulla app il tasto “esperto sul posto”. In 5 minuti riceverai la telefonata di conferma. Entro trenta minuti l’”angelo custode”.

Dall’incubo dell’incidente stradle al sogno del risarcimento? No, solo una realtà che per ora è sperimentabile sul territorio di Roma. E qui, ahimè si sa che gli altri angeli – agenti di polizia urbana soprattutto – non sempre arrivano con la solerzia che uno vorrebbe. Troppi incidenti, poche vetture a disposizione, troppo traffico. L’angelo perito di MyAngel invece assicura i trenta minuti. Dovunque.

“Usare le innovazioni digitali per offrire il servizio di prevenzione e gestione del rischio in modo rapido ed efficace, è la nostra soluzione per trasformare l’esperienza del cliente e l’immagine dell’assicuratore”: il vicedirettore generale di Groupama Assicurazioni, Yuri Narozniak conferma che il servizio collegato all’app MyAngel sta registrando “un grandissimo successo e tra poco lo estenderemo in altre città”. Per ora su tutto il territorio nazionale è già possibile usare il servizio di chiamata del carro attrezzi.